Negli ultimi anni (il primo studio è Australiano del 1997) è emerso un nuovo parametro: l’Insulin Index (Indice Insulinico), un valore che analizza come gli alimenti possono alterare l’Insulina circolante (insulinemia) e non il glucosio (glicemia).

Perché esaminare l’insulinemia e non la glicemia?

L’insulina è l’ormone deputato alla crescita e al “nutrimento” vero e proprio dei tessuti insulino-dipendenti, cioè muscolo scheletrico, muscolo cardiaco, e tessuto adiposo, ovvero gli organi bersaglio che subiscono la sua azione diretta.

Non ha il solo compito di abbassare la glicemia; è responsabile del trasporto di glucosio, amminoacidi, grassi, acidi nucleici, verso i suoi tessuti bersaglio, favorendo vari processi come la sintesi proteica e lo stoccaggio di riserve di carboidrati e lipidi.

Se i livelli circolanti di insulina sono però spropositati, ecco che ciò si correla ad infiammazione silente diffusa nell’organismo, con conseguente predisposizione a malattie cardiovascolari, obesità, ipertensione arteriosa, alterazioni immunitarie, diabete, dislipidemie, dermatiti, allergie, fibromialgia e altro ancora.

L’indice insulinico permette di valutare se un qualsiasi alimento, non necessariamente un carboidrato, sia in grado di provocare una risposta insulinica bassa, elevata o moderata.


Lorenzo Messina

Dott. Lorenzo Messina Laurea in Medicina e Chirurgia Specializzazione in Medicina dello Sport Dottorato di Ricerca in Scienze Morfologiche e Biotecnologie Master Universitario di II livello Università degli Studi di Firenze in Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia Albo dei Medici Chirurghi di Modena Direttore Sanitario Poliambulatorio CARPI 3000 a Carpi (MO) Socio Ordinario della F.M.S.I. Socio Aderente alla S.I.C. Sport DCO (Ispettore Medico Antidoping)

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *